Come rendere perfetto il tuo giardino… anche grazie all’Hi-Tech!

Come rendere perfetto il tuo giardino

Avere un giardino, di questi tempi, è una fortuna immensa. Si ha la possibilità di poter organizzare le ultime serate all’aperto prima che il fitto autunno e il gelido inverno spazzino via ogni altro intento da questo punto di vista.

Una casa con un giardino avvantaggia il proprietario o l’inquilino di turno in quanto consente di poter variare il proprio raggio d’azione e la propria libertà di organizzazione rispetto a se stessi e agli altri. O, anche, se hai bambini piccoli, di poterli far scorrazzare con i giocattoli che necessitano di uno spazio.

Ma avere un giardino richiede comunque tanta dedizione e pazienza nel curarlo, oltre che una certa abilità e competenza di fondo naturalmente. Bisogna perderci del tempo affinché esso non resti incolto e trasmetta comunque un senso di relax e leggerezza agli occhi di chi lo vede.

A volte basta veramente poco per progettare al meglio il proprio giardino e renderlo pressoché perfetto in tutte le sue forme. Ecco alcuni suggerimenti che potrebbero tornare utili da questo punto di vista.

Rendere perfetto il giardino di casa: ecco come

Il giardino perfetto esiste e può essere progettato nei modi che seguono. Innanzitutto, esso è un luogo che va concepito sotto forma di relax, una sorta di fuga dalla realtà dove immergersi per rilassarsi completamente, senza pensare a nulla.

Una concezione molto comune per cui il giardino, in questo modo, assume una fisionomia in particolare. L’accostamento casuale, ad esempio, di una pianta può finire per produrre un lavoro non propriamente organico e ben sistemato sul piano della progettazione.

Basta spostare anche una singola pianta e il risultato non è più lo stesso. Per questo motivo la fase di progettazione è vitale affinché il giardino di casa risulti perfetto nella sua integrità e conformazione.

La posizione delle piante deve correlarsi all’ambiente di riferimento. Mai inserire piante in giardino che non si adattino ad un determinato ambiente. Esse devono adattarsi bene soprattutto al clima e alle condizioni in cui vivono. L’esposizione alla luce solare per le piante va agevolata da questo punto di vista. In questo modo il paesaggio rappresentato sembrerà più aderente alla natura.

La disposizione degli elementi serve sostanzialmente a dare un tocco di naturalezza all’ambiente stesso e alla casa nel suo complesso. Così come la posizione delle porte e delle finestre ha una certa rilevanza in quanto una finestra aperta e affacciata direttamente sul giardino renderà il lavoro ancora più ammirabile da questo punto di vista.

In funzione degli spazi a disposizione la progettazione implica la ricerca dei punti di forza da evidenziare per esaltarli al di là dei difetti estetici che possono presentarvi. Da tenere presente in questo senso parametri come la proporzione e le linee geometriche per fare in modo che lo gli spazi vengano esaltati in maniera ancora più preponderante sotto questo punto di vista.

Non è necessario prendere il metro per misurare le distanze e gli spazi in quest’ottica, ma avere una visione d’insieme un po’ più approfondita e studiata può certamente aiutare e rendere le cose più semplici.

Per quanto riguarda gli alberi collocati in giardino, essi rappresentano elementi naturali indispensabili, naturalmente, per fornire quel senso naturalistico in più, ma a seconda della loro forma possono trasmettere una sensazione di tranquillità o dinamicità in un senso o nell’altro.

Vi potrà sembrare strano, ma anche l’Hi-Tech può trovare posto nel vostro giardino. Esistono, infatti, degli accessori molto interessanti che possono tornarvi utili: per esempio, esistono dei sensori che servono per monitorare la crescita corretta per le piante; altri sensori che riescono a rilevare la quantità giusta di acqua nel terreno. Esistono anche delle luci particolari che simulano quelle del sole, da poter porre in zone troppo buie e altri ancora che riescono a determinare il livello di umidità nel terreno.

La componente mobili in giardino richiede arredi di qualità che abbiano una certa resistenza alle condizioni atmosferiche e una certa efficienza dal punto di vista funzionale, onde evitare di dover ricorrere a manutenzione di frequente. Se poi uniscono la praticità all’estetica, ancora meglio.

I colori hanno la loro importanza. Preferibile una tonalità più vivace rispetto ad una tonalità più neutra. L’impianto di irrigazione va scelto in relazione a struttura e organizzazione del giardino stesso. Esso può essere rotante, oscillante o battente, indispensabile soprattutto se si ha un giardino di medie-grandi dimensioni.