Come Calcolare il Bollo Auto

Ti stai chiedendo come calcolare il bollo auto? Molto bene, ci siamo qui noi a fugare ogni tuo dubbio! In questo articolo ti spieghiamo tutto ciò che devi sapere per stabilire a quanto ammonta la tassa che dovrai pagare. Non preoccuparti: nulla di così difficile! Sei pronto/a? Ottimo, partiamo!



Come calcolare il bollo auto

come calcolare il bollo auto -2

Come dicevamo, il bollo è un tributo da versare annualmente nelle casse dello Stato. Si tratta di una delle tante incombenze amministrative e burocratiche in capo al proprietario della vettura, ma anche all’usufruttuario e da chi la utilizza in leasing. Non si tratta di una tassa di circolazione, ma si applica a chiunque possieda un’auto, anche se poi effettivamente non la utilizza.

Nei paragrafi seguenti avrai a disposizione una guida su come calcolare il bollo auto. Sostanzialmente ci sono tre validi metodi per raggiungere il tuo obiettivo. Andiamo a scoprirli nel dettaglio!

Primo metodo basato sui kW

Analizziamo come calcolare il bollo attraverso i kW della tua auto. Essi sono indicati nel libretto di circolazione. Altra cifra importante da tenere in consierazione è la classe ambientale del veicolo: classe Euro 0, 1, 2, 3, 4, 5 o 6. Quando avrai entrambi questi dati potrai calcolare il tutto in maniera molto facile: ad esempio, per un’auto di categoria Euro 0 di applica un importo di 3 euro a kW sino ad massimo di 100 kW, mentre per auto superiori ai 100 kW la cifra sale a 4,5 euro per ogni kW.

A poco a poco che migliora la classe ambientale, l’importo per kW diminuisce. E quindi un’auto Euro 1 pagherà da un minimo di euro 2,90 fino a 100 kW ad un massimo di 4,35 euro oltre tale soglia. La classe Euro 2 oscillerà da € 2,80 a € 4,20, Euro 3 da un minimo di € 2,70 al kW sino ad un massimo di € 4,05, infine per le vetture Euro 4, 5 e 6 (cioè le auto meno inquinanti) il calcolo del bollo auto per kW oscillerà da € 2,58 a € 3,87.

Secondo metodo: utilizza il sito dell’Agenzia delle Entrate

come calcolare il bollo auto -3

Il secondo modo per stabilire l’importo del bollo è molto più veloce, specie se non vuoi perdere troppo tempo per fare i calcoli. Come fare? Vai sul sito dell’Agenzia delle Entrate, clicca su “schede”, poi su “pagamenti” e infine su “bollo auto”. A questo punto, nella colonna di sinistra, clicca su “calcolo del bollo auto in base alla targa” e poi su “accedi al servizio”.

Si aprirà una pagina dove dovrai indicare la tipologia di veicolo e il numero di targa (quest’ultimo è un requisito fondamentale per conoscere l’importo esatto). Nota bene: c’è da inserire anche un codice di sicurezza suggerito per conoscere la quantità da pagare ed eventuali sanzioni e interessi in caso di morosità pregressa.

Terzo metodo: rivolgiti all’ACI

Infine, ecco un ulteriore modo per calcolare il bollo auto: se non vuoi utilizzare il sito dell’Agenzia delle Entrate puoi rivolgerti a quello dell’ACI. Qui c’è anche la possibilità di inserire quale tipo di pagamento devi effettuare: prima immatricolazione, rinnovo, pagamento integrativo ecc. Dovrai inserire la tua regione di residenza e tipo di veicolo per riuscire a calcolare l’importo esatto.

Ok, ora dovresti avere tutti gli strumenti su come calcolare il bollo auto. Ti facciamo però una domanda che forse non ti sei posto: ma davvero devi pagare il bollo? Oppure che non sei soggetto a delle agevolazioni? Nell’ultimo paragrafo parliamo di esenzioni e agevolazioni, così avrai un quadro ancora più completo.

Come calcolare il bollo auto con la Legge di bilancio 2019

Chiudiamo la nostra guida su come calcolare il bollo auto con un’importante precisazione: la Legge di bilancio 2019 infatti prevede diverse agevolazioni per quanto riguarda questa tassa. In primis, i possessori di un’auto e moto storica di età dai 20 ai 29 anni dalla data di prima immatricolazione pagheranno il bollo con uno sconto del 50%.

Ma non è finita qui: ci sono anche esenzioni totali per coloro che acquisteranno un’auto ibrida o elettrica. In questo modo il Governo vuole incentivare l’acquisto di auto non inquinanti: chi comprerà una vettura di quel tipo nel corso dell’anno non pagherà il bollo per 3 o 5 anni a seconda della Regione in cui è residente. Chi paga con bonifico o altri particolari sistemi di pagamento potrà godere di un 10% di riduzione.

Potrebbe interessarti anche:
Come pagare il bollo auto