Come bloccare siti per adulti: i consigli di Panda Security

Panda Security in questo articolo vuole fornire alcune indicazioni su come bloccare siti per adulti, ovvero stoppare l’accesso a tali siti sui principali browser per PC e Android, al solo fine di garantire la sicurezza del proprio device ed evitare intromissioni e furti di dati.



Come bloccare siti per adulti

come bloccare siti per adulti -2

E’ un fatto noto che i siti erotici o pornografici siano tra i più visti in assoluto, tanto che tra i primi 100 a livello mondiale per traffico quelli a contenuto per adulti rappresentano il 5-10%, secondo le diverse rilevazioni. In Italia risultano essere 7 tra i primi 50 siti più popolari.

Senza alcun intento moralizzatore – nella ferma convinzione che chiunque sia maggiorenne ha diritto ad accedere a contenuti per adulti, se vuole e ammesso che siano legali – Panda Security in questo articolo vuole fornire alcune indicazioni su come bloccare l’accesso a tali siti sui principali browser per PC e Android, al solo fine di garantire la sicurezza del proprio device ed evitare intromissioni e furti di dati. Di conseguenza, come si vedrà più avanti, uno dei consigli di questo articolo è rivolto anche a chi visita – volontariamente – siti di questo tipo.

Il metodo più semplice per bloccare le pagine di contenuti per adulti su un PC è installare un’estensione apposita nel browser. Per ogni browser ne esistono diverse, ad esempio, se si utilizza Chrome, Adult Blocker può essere la scelta giusta. Per installare un’estensione basta accedere al Chrome Web Store, cercarla e fare clic sul pulsante blu Aggiungi nella pagina dell’estensione. Importante è installare solo estensioni e plugin di sviluppatori attendibili e verificati!

Se il motivo per cui si vuole bloccare i siti per adulti su PC è fare in modo che i nostri figli minorenni non possano accedervi, si può utilizzare le impostazioni del controllo genitori. Su Windows, lo trovi nelle Opzioni famiglia. Ricordati che per accedere a queste impostazioni, devi creare un gruppo di account della famiglia su Microsoft. È un’operazione un po’ laboriosa, ma vale la pena se in casa si utilizzano più computer e programmi Microsoft.

C’è anche un altro modo per bloccare i siti per adulti: modificare i server DNS e utilizzare un’app come Open DNS. I server DNS sono i sistemi che traducono gli indirizzi che digiti nel browser in quelli IP dei siti che vuoi visitare. Sono lunghissimi elenchi di coppie di indirizzi, taggati e catalogati. Le applicazioni come Open DNS consentono di bloccare certe tipologie di indirizzi di siti, in questo caso quelli che sono considerati per adulti.

Infine, il metodo più rapido ma un po’ meno efficace è attivare SafeSearch di Google. In questo modo non si bloccano realmente i siti, ma si escludono i contenuti per adulti dai risultati di ricerca di Google. Il filtro non è preciso al 100%, ma dovrebbe essere sufficiente per evitare che i bambini più piccoli finiscano su siti inadatti mentre fanno ricerche online. Per attivare SafeSearch alla pagina delle preferenze di Ricerca Google.

Bloccare i siti per adulti su Android

Su Android le cose cambiano, soprattutto perché non è possibile utilizzare le estensioni dei browser. Il metodo più semplice è scaricare un’app di controllo genitori o per il blocco di siti per adulti. Per maggiori informazioni si può consultare l’articolo sul parental control per dispositivi Android. Inoltre, si può ricorrere anche alle impostazioni di SafeSearch descritte sopra e alla Navigazione sicura di Google, con la consapevolezza che non garantiscono il massimo della sicurezza.

Quando e perché bloccare i siti per adulti

Come anticipato all’inizio del post, ci sono vari motivi per bloccare i siti per adulti:

  • Impedire ai figli minorenni di accedere a siti pornografici
  • Bloccare tutti i siti per adulti tranne quelli visitati regolarmente e considerati sicuri
  • Evitare potenziali ricatti per aver visualizzato contenuti per adulti

Il primo motivo non ha bisogno di spiegazioni, ma vale la pena approfondire gli altri due.

Se visiti siti per adulti, ti consigliamo di bloccare tutti i siti ed escludere quelli che frequenti e consideri attendibili. Molti siti per adulti contengono malware e potresti essere reindirizzato su uno di questi siti senza saperlo (a volte basta fare clic involontariamente su un popup in una pagina di streaming di film).

Alcuni di questi siti, i più pericolosi, sono utilizzati come copertura e hanno come unica finalità la diffusione di virus, ma la maggior parte di essi diffonde malware senza saperlo, semplicemente perché i programmi di affiliazione pubblicitaria a cui aderiscono hanno regole molto meno strette rispetto a Google e altri grandi nomi della pubblicità online.

Evitare le infezioni da virus su questi siti è facile: basta bloccare tutti i siti per adulti ed escludere dal blocco quelli che si visitano. Poi installare un buon antivirus e aggiornarlo periodicamente.

Infine, un altro pericolo legato ai siti per adulti è che un hacker abbia utilizzato un malware per spiare la vostra navigazione e vi chieda un riscatto in cambio della non divulgazione delle vostre attività sui siti per adulti. Se doveste ricevere un messaggio del genere tramite popup o email, sappiate che nella maggior parte dei casi la richiesta di riscatto è una bufala.

Tuttavia, in passato abbiamo già assistito a gigantesche fughe di dati. È successo al sito di incontri piccanti Ashley Madison, violato da un gruppo di hacker che hanno poi ricattato sia l’azienda sia gli utenti, minacciando di divulgare pubblicamente i dati. Questo può succedere ancora e il costante aumento di attacchi ransomware lo dimostra.

Ricapitolando, indipendentemente dai motivi, se si vogliono bloccare i siti per adulti su computer e dispositivi mobili si hanno varie opzioni a disposizione: estensioni del browser, app, impostazioni di parental control… In ogni caso è fondamentale fare sempre attenzione quando si visita un sito per adulti: come abbiamo visto, molti possono nascondere malware e altre minacce informatiche.