Dreams PS4 ufficialmente disponibile su PlayStation Store

Pochi minuti fa su Twitter il team di sviluppo di Dreams PS4 ha annunciato che per i prossimi mesi sarà disponibile sul PlayStation Store l’Accesso Anticipato. Ecco tutti i dettagli.



Dreams PS4: ci siamo!

Se non ne hai mai sentito parlare, siamo anche qui per chiarirti di cosa si tratta: Dreams è un editor che darà la possibilità agli utenti di creare esperienze di vario genere e condividerle (le modalità sono molto simili a Sack Boy). Il suo prezzo è di 29,99 euro, e per il momento si può acquistare solo in versione digitale. Il gioco occuperà solo 2.61 GB di spazio dell’hard disk.

dreams ps4 -2

Il titolo è però ancora in fase di sviluppo, e perciò prima del lancio ufficiale potrebbero verificarsi diversi problemi. I livelli creati infatti potrebbero essere cancellati, il gioco potrebbe subire modifiche o i limiti di archiviazione dei dati potrebbero essere alterati. Rimangono comunque situazioni che difficilmente si verificheranno ma che vanno chiarite subito: l’Early Access funziona così, e Sony lo ha voluto subito precisare.

Dreams PS4: un gioco fonte di ispirazione

Ricapitolando, oggi parte l’Early Access: in questa fase gli utenti potranno avere accesso agli strumenti dell’editor, alla “bolla sociale” dove poter vivere le esperienze ludiche degli altri Creatori, ai tutorial e al modulo per condividere online i propri progetti.

Secondo Media Molecule il titolo ispirerà una nuova generazione di sviluppatori, come ha dichiarato anche lo stesso sviluppatore capo John Beech: “Penso che tante persone decideranno di entrare nell’industria dei videogiochi dopo essersi cimentati con Dreams, persone che magari non avevano idea di essere dei buoni designer e sviluppatori prima di utilizzare il nostro semplice editor. Perchè semplificare non è sempre una brutta cosa, non fa necessariamente rima con ‘meno potente’: in ambienti come questo, la semplificazione è un qualcosa di liberatorio, ti permette di realizzare idee e progettare giochi molto più velocemente, quindi penso proprio che non farà altro che tirare fuori l’artista videoludico che è in voi”.